Luserna
 
Benvenuta/o, Ospite
Effettua il Login o Registrati.    Password dimenticata?
TESTO TRADOTTO: Di pult (1 attualmente in lettura da) (1) Ospite
Vai alla fine Preferiti: 0
TOPIC: TESTO TRADOTTO: Di pult
#193
TESTO TRADOTTO: Di pult 8 Anni, 9 Mesi fa Karma: 0  
I CIBI DEL POVERO, I SUOI GUSTI SONO UN SEGRETO DI FRANCESCO E CHIARA, UNA RIVELAZIONE DI CRISTO


Mattina, latte e polenta; mezzogiorno, minestra e polenta; la sera radicchio e ancora polenta. E, anzi, nei giorni duri, di magra, io ricordo mio padre che tagliava due fette dalla piccola montagna doro e me ne metteva una per mano e mi dice: ecco, una la chiamerai polenta e laltra formaggio. E io ci credevo; e addentavo ora da una mano ora dallaltra, fingendo di mangiare polenta e formaggio. E gli amici, quelli delle poche famiglie ricche del paese, mi prendevano in giro. Io piangevo eppure non potevo pensare male della polenta, non potevo dir male di mio padre.
A cuocerla era sempre la mamma, e mi sembrava che dentro vi cocesse il cuore. E che fatica per renderla profumata, tirarla a giusta cottura, che non si attaccasse alla pentola nera di ghisa, che non sapesse di fumo e per mantenere il giusto fuoco, doveva soffiare dentro sino a spolmonarsi, lei cosi minuta. Eppure sempre in silenzio, sempre serena, dentro una nube di fuliggine.
Ecco perch un giorno arrivato in una casa di ricchi, ed io gi grande, anzi gi sacerdote ormai, mi sono sentito bruciare perch, appena seduto a tavola, la signora ebbe limpudenza di dirmi: oggi ci scuser, padre:abbiamo polenta.E io zitto, da prima, arrossii perch mi sembrava offesa tutta la mia infanzia. Poi, ecco il cameriere, vestito tutto di bianco, con una zuppiera in mano; e dentro del giallo che nuotava nel burro; e sopra degli uccelli rosolati come martiri. Allora ho sentito tutto il mio sangue martellare: ecco, signora -le dissi- non cominciamo con loffendere la polenta.

David Maria Turoldo





Z gezza von armen lat, bazzen gevalt, soinz lugarate sachandar von Francesco un vo dar Chiara (Frnz un da Liachte), a bort vo GutarHear.

Morgas, pult un milch; mittartage, supp un pult; abas radikkn un n pult. In di sberarstn tang, ben ma hat gehummart, gedenkhe main vatar bo daz hat abegehakht zboa snitn von khlumma perge pit gold un hatmara gelek ummana vor hnt un hatmar khtt: sea, ummana barstose hoasan pult un dndar khs. Un i hn z gegloabet; un hn argepizzt an stroach vo ummanar hnt un an stroach vo dar ndar, gloabante zezza pult un khs. Un di tschelln, di selnen von raicharste famildje von lnt, hm me genump zo hentn. I hn gegalt ma i hn nt gemak pensarn letz vo dar pult, i hn nt gemak ren letz vo main vatar.
Zo khochaze iz gest hrta di muatar, un hatz auzgeschauget sovl bi se da hettat drin gekhocht z hertz. Un bia sber, machanse riachan guat, machanse khochan djst, na zo machase hengen nidar in da sbartz fn pit ghisa, na azze vng na tmpf; un zo halta djst z var, hatse gemocht drauplasan fin azze hat gihat atn; si az khlumma. Un si hrta sbaigante, hrta in patze, in a bolkhnen vo ruaz.
Ekko umbrom an tage, gerift in a haus vo raiche, un i sa groaz, ntze samai faff, pinne gestnt az letz, umbrom, gesotzt azze pin gest ka tisch, di vrau iz gest az sfatzart zo khdamar: Hat mochtaraz vortzaing faff: z gt pult. Un i stille, vor earst pinne khent roat az pi a var(gevart) umbrom z hatmar parirt a schade mai gntzes lem alz khin. Un dopo dar kameriar, allar gerstet baiz, pitnar schzzl in di hent; un drin eppaz gelz bo da iz gesbumpt in smaltz; un obar vgl gepratet az be arme sealn. Sem hnnemar gehart poltzan z pluat in khopf: ekko, vrau hnnar khtt hefpar nt auzokhda dar pult
Luca (Moderatore)
Administrator
Messaggi: 8
graphgraph
Utente Offline Click here to see the profile of this user
Loggato Loggato  
 
L'amministratore ha vietato la scrittura pubblica  
#211
Re:TESTO TRADOTTO: Di pult 8 Anni, 9 Mesi fa Karma: 7  
in di berkstatt i pin "ummana boda net redet" un alora hnne vorlort ditza gesraiba von David Maria Turoldo un est lesantez bidar, bille khn ke disa berkstatt iz eppaz gntz schmma, vor mi iz furse daz peste sachan boda iz khent gemacht vor sarna zung... ma sek ke ber 'z vartse iz epparumaz bodada gloabet ke nsar zung iz schmma zo reda un zo sraiba un net a khua zo melcha... hoint mageda net soin umbrom 'z iz dar lest abas von kurs vo khast vor in Ale un dar Simone hat di pletarla... varicella. Bar sengaz in menta. An schmman gruaz alln
bage (Utente)
Senior Boarder
Messaggi: 75
graphgraph
Utente Offline Click here to see the profile of this user
Loggato Loggato  
 
L'amministratore ha vietato la scrittura pubblica  
#215
Re:TESTO TRADOTTO: Di pult 8 Anni, 9 Mesi fa Karma: 8  
Haltn gearn soi muatar zung iz eppaz boda geat bar un betar alz aniagladar zalom, Pierpaolo Pasolini hat gesribet"Il dialetto la pi umile e comune maniera di esprimersi. solo parlato, a nessuno viene mai in mente di scriverlo. Ma se a qualcuno venisse quell'idea? Voglio dire l'idea di adoperare il dialetto per esprimere i propri sentimenti, le proprie passioni? [] con l'ambizione di dire cose elevate, difficili, magari; se qualcuno, insomma, pensasse di esprimersi meglio con il dialetto della sua terra, pi nuovo, pi fresco, pi forte della lingua nazionale imparata nei libri?
"Se a qualcuno viene quella idea, ed buono a realizzarla, e altri che parlano quello stesso dialetto lo seguono e lo imitano, e cos, un po' alla volta, si ammucchia una buona quantit di materiale scritto, allora quel dialetto diventa "lingua". La lingua sarebbe cos un dialetto scritto e adoperato per esprimere i sentimenti pi alti e segreti del cuore. [] ditza iz da sel bode bllat azta alle vorstianatn.
Mu63 (Utente)
Expert Boarder
Messaggi: 84
graph
Utente Offline Click here to see the profile of this user
Loggato Loggato  
 
L'amministratore ha vietato la scrittura pubblica  
#216
Re:TESTO TRADOTTO: Di pult 8 Anni, 9 Mesi fa Karma: 8  
vortzaigetmar azze ntz vil platz drin in forum ma i billaz sraim da lest poesia in furl vo Pasolini, di hoazzt azpi alle bartet bizzan "saluto e augurio"
A quasi sigr che chista
a la me ultima poesia par furln;
e i vuj parlighi a un fassista
prima di essi (o ch'al sedi) massa lontn.

Al un fassista zvin,
al var vincia un, vinca doi ins:
al nasst ta un pas,
e al zut a scuela in sitt.

Al alt, cui ocij, il vistt
gris, i ciavij curs:
quand ch'al scumnsia a parlmi
i crot ch'a no'l savedi nuja di politica

e ch'al serci doma di difindi il latn
e il grec, cuntra di me; no savnt
se ch'i ami il latin, il grec - e i ciavij curs.
Lu vuardi, al alt e gris coma un alpn.

ti lu sas, a sapiensa santa.
Difnt, conserva, prea! La Repblica
a drenti, tal curp da la mari.
I paris a n sercit, e tornt a serci

di c e di l, nassnt, murnt,
cambnt: ma son dutis robis dal passt.
Vuei: dfindi, conserv, pre. Tas:
la to ciamesa ch'a no sedi

nera, e nencia bruna. Tas! Ch'a sedi
'na ciamesa grisa. La ciamesa dal siun.
Odia chej ch'a volin dismvisi
e dismintissi da li Paschis...

Duncia, fantt dai cialsns di murt,
i ti i dita se ch'a volin i Dius
dai ciamps. L ch'i ti sos nasst.
L che da frut i ti s impart

i so Comandamns. Ma in Sitt?
Scolta. L Crist a no'l basta.
A coventa la Glsia: ma ch'a sedi
moderna. E a coventin i purs.

Ven c, ven c, Fedro.
Scolta. i vuj fat un discors
ch'al soma a un testamnt.
Ma recurditi, i no mi fai ilusins

su di te: jo i sai ben, i lu sai,
ch'i no ti s, e no ti vus vilu,
un cur libar, e i no ti pos essi sinsir:
ma encia si ti sos un murt, ti parlari.

Dfnt i pals di morr o aunr,
in nomp dai Dius, grecs o sinis.
Mur di amur par li vignis.
E i fics tai ors. I socs, i stecs.

Il ciaf dai to cunpins, tost.
Difnt i ciamps tra il pas
e la campagna, cu li so panolis,
li vas'cis dal ledn. Difnt il prat

tra l'ultima ciasa dal pas e la roja.
I ciasj a somjn a Glsiis:
giolt di chista idea, tnla tal cur.
La confidensa cu'l soreli e cu'la ploja,

Tu difnt, conserva, prea:
ma ama i purs: ama la so diversitt.
Ama la so voja di vivi bessj
tal so mond, tra pras e pals

l ch'a no rivi la perula
dal nustri mond; ama il cunfn
ch'a n segnt tra nu e lur;
ama il so dialt inventt ogni matina,

par no fassi cap; par no spart
cun nissn la so ligria.
Ama il soreli di sitt e la miseria
dai laris; ama la ciar da la mama tal f.

Drenti dal nustri mond, dis
di no essi borghis, ma un sant
o un soldt: un sant sensa ignoransa,
un soldt sensa violensa.

Puarta cun mans di sant o soldt
l'intimitt cu'l Re, Destra divina
ch'a drenti di nu, tal sin.
Crot tal borghis vurb di onestt,

enca s'a 'na ilusin: pars
che ericia i parons, a n
i so parns, a son fis di paris
ch'a stan da qualchi banda dal mond.

Basta che doma il sintimnt
da la vita al sedi par duciu cunpin:
il rest a no impurta, fantt cun in man
il Libri sensa la Perula.

Hic desinit cantus. Cipiti
tu, su li spalis, chistu zit plen.
Jo i no pos, nissun no capirs
il scndul. Un vecu al rispit

dal judissi dal mond; encia
s'a no ghi impuarta nuja. E al rispit
di se che lui al tal mond. A ghi tocia
difindi i so sgnerfs indebuls,

e st al zuc ch'a no'l mai vult.
Cipiti su chistu pis, fantt ch'i ti mi odiis:
purtilu tu. Al lus tal cur. E jo i ciaminarai
lizir, zint avant, sielznt par sempri
la vita, la zoventt
azzar bllt mgaz sraim daz belesche o
Mu63 (Utente)
Expert Boarder
Messaggi: 84
graph
Utente Offline Click here to see the profile of this user
Loggato Loggato  
 
L'amministratore ha vietato la scrittura pubblica  
Vai all'inizio
Strumenti

Login

L'account necessario per partecipare alle discussioni sul FORUM.





Password dimenticata?

Segnalibri

 
 
Copyright © 2009 Kulturinstitut. Tutti i diritti sono riservati.
Per informazioni contattare il webmaster.